Titani e giganti

Da un po’ di tempo ho l’impressione che sia scoppiata una sorta di moda dei giganti. Non è una di quelle mode opprimenti, invasive, che vedi ovunque ti volti e non puoi fare a meno di notare. È invece una moda subdola, strisciante, si intrufola ogni tanto dove magari non te l’aspetti, e altre volte prorompe in tutta la sua forza, come a reclamare il titolo di argomento cool del momento, se non fosse che non è poi tanto cool, e ormai il momento è passato. Forse.

Gatto gigante

Una volta c’era bisogno di qualche bella gnocca in posa sexy per aumentare le visite ad un sito. Oggi bastano i gatti. Ovviamente, io ho usato quest’immagine perchè mi sembra perfettamente in linea con l’argomento, non come mezzuccio per aumentare i click

Forse qualcuno si chiederà cosa intendo con “il momento è passato”. Intendo che sono spuntate opere appartenenti ai media più diversi (manga, anime, film, videogiochi, ecc.) incentrate sull’argomento “titani e giganti”, ma in tempi diversi, quindi in maniera diluita, col risultato che pochi hanno avvertito una presenza eccessiva nello stesso momento. E soprattutto, il picco di presenza di giganti sembra già superato. Ad oggi se ne parla ancora, ma direi che il trend è già in calo. Credo.

Shingeki no kyojin

Personalmente, ho percepito il picco di presenza di giganti nel periodo di Shingeki no kyojin. D’altronde, tra manga e anime, ha raggiunto una quantità spropositata di persone.

Proverò quindi a fare una lista di opere che trattano titani, giganti e altri esseri dalle dimensioni ragguardevoli che sono usciti in tempi più o meno recenti. La lista non intende essere esaustiva (non ne sarei capace), perciò, se volete, potete contribuire nei commenti per renderla più completa.

The Legend of Zelda: Majora's Mask

I giganti di The Legend of Zelda: Majora’s Mask (2000). È un titolo decisamente troppo vecchio per essere considerato appartenente al periodo della “moda dei giganti”.

Shadow of the Colossus (2005): questo videogioco è totalmente incentrato sui Colossi (altro sinonimo di gigante), a differenza di quasi la totalità dei videogiochi, dove gli esseri giganteschi fungono solo da boss di fine livello. Anche questo potrebbe essere considerato troppo vecchio per appartenere al periodo della “moda dei giganti”, però forse ha dato un primo impulso…

Shingeki no kyojin (manga: 2009; anime: 2013): conosciuto anche con il nome Attack on Titan e in Italia L’attacco dei giganti. Il manga ha letteralmente spopolato in Giappone, così come l’anime, che ha vinto numerosi premi. E l’anno prossimo (2015) dovrebbe uscire anche il film. Ovviamente tutti quelli che hanno visto l’anime attendono una seconda serie…

Clash of the Titans (2010): Un film ambientato nell’antica Grecia, ma non quella storico-realistica, bensì quella mitologico-fantastica. In altre parole, un film action hollywoodiano con tonnellate di effetti speciali e combattimenti tra eroi semidivini, divinità e mostri giganteschi. Nel 2012 è uscito anche il seguito, Wrath of the Titans, che, come si può notare, non ha rinunciato alla parolina magica titans nel titolo.

Xenoblade (2010): videogioco molto più classico rispetto al summenzionato Shadow of the Colossus, dove si incontrano soprattutto mostri di dimensioni piccole e medie. È però molto vicino al periodo della “moda dei giganti”, e soprattutto vi sono due esseri di dimensioni incredibilmente maggiori rispetto alla norma che fanno da sfondo alla storia (e anche al paesaggio) del gioco.

Xenoblade: Bionis e Mechanis

Purtroppo non ho giocato Xenoblade, ma da quanto ho capito i due esseri nell’immagine sono talmente grossi che il gioco è praticamente ambientato sopra di loro, nel senso che gli eventi narrati hanno luogo sui loro corpi, i personaggi li esplorano e vi incontrano mostri, ecc.

Titan Attack (2012): questo l’ho scoperto pochi giorni fa. Sembra uno sparatutto in stile Space Invaders, ma con il titolo furbo. Cioè, davvero, non vedo cosa c’entrino i giganti, mentre è evidente che il titolo sia stato scelto unicamente perchè in questo modo tante persone lo scopriranno per caso cercando qualcosa che riguardi Attack on Titan

Jack the Giant Slayer (2013): film discreto, basato su premesse molto ingenue e da favola per bambini. Mi risulta sia stato un clamoroso flop commerciale… segno che forse questo “moda dei giganti” non è mai esistita. O forse significa che i giganti, di per sé, non costituiscono un argomento di grande interesse (come possono esserlo invece i dinosauri o i mecha).

Pacific Rim (2013): Pacific Rim è innanzitutto un omaggio ai film giapponesi del filone Godzilla & Co., detti anche kaijū 怪獣. E cosa sono i kaijū se non degli esseri giganti, da combattere con altrettanto giganti robot? Certo, a questo punto avrei potuto citare anche i Transformers, ma la mia impressione è che la serie di Michael Bay sia nata non per cavalcare l’onda della moda dei giganti, ma solo per spolverare un vecchio brand dal buon potenziale commerciale.

The Hobbit: The Desolation of Smaug (2013): OK, questa è parecchio forzata. Il gigante in questo caso è il drago Smaug, che è davvero enorme. Il motivo per cui lo cito qui è che, forse, se non fosse stata per la (supposta?) “moda dei giganti”, l’avrebbero fatto un po’ più piccolo, o meno curato, o avrebbe avuto minor peso nel film. O forse sarebbe stato uguale…?

Titanfall (2014): in base alla mia ipotesi di “moda dei giganti”, il titolo in questione ne sarebbe uno dei prodotti più emblematici. I titani non sono poi molto grossi (se paragonati agli altri citati qui), ma sono chiaramente centrali nel gioco, e il titolo lo sottolinea in maniera evidente.

Risen 3: Titan Lords (2014): altro videogioco, stavolta di ruolo. Non ho la più pallida idea di cosa tratti nello specifico, ma la presenza della parola “titan” nel titolo mi sa anche qui di mossa commerciale per sfruttare l’onda lunga della moda dei giganti, anzi, dei titani (che sono ovviamente la stessa cosa, ma forse in inglese suona meglio titan che giant?).

Il GGG (2015): è il titolo di un libro che parla della storia tra una bambina e un gigante. Sembra che diventerà il soggetto di un prossimo film diretto da Steven Spielberg.

Funk of Titans (2015): sembra sia un action-platform come tanti, ma con due caratteristiche che dovrebbero distinguerlo dalla massa. Una è il suo stile un po’ funk (?), e l’altra è che si controllano personaggi legati alla mitologia greca. Titani, immagino. O meglio, lo spero, altrimenti non si spiegherebbe il titolo. Chissà come mai avranno optato proprio per dei titani… Voi avete qualche idea?

Titan Souls (2015): un gioco indie in cui si affrontano solo boss di fine livello. Si tratta quindi di qualcosa di simile, concettualmente, a Shadow of the Colossus, ma con grafica retrò bidimensionale e visuale a volo d’uccello che vanno tanto di moda tra i giochi indie, per ovvi motivi legati al budget e alle capacità richieste per lo sviluppo. Notare che, oltre a contenere la parola magica Titan nel titolo, ne ha anche un’altra, Souls, che invece fa leva sulla serie Souls della From Software.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...